Mi beo degli zotici: e in quella pianura fin

Ho visto in tivvi le immagini raccapriccianti ed  inquietanti

del cosiddetto “Congresso eucaristico”.

Sul palco patetici ottantenni con la tonaca lunga,

di quelli che “cantano e ballano coi gggggiovani

per andare incontro ai gggiovani”. 

Sotto al palco centinaia di giovani esemplari della specie Homo Sapiens

completamente deprivati dello srumento di sopravvivenza peculiare della specie:

il cervello, e, con esso, della capacità di pensare.

Centinaia di sguardi ottusi, di quelli tipici

di chi è perso nel nulla di dei, vite eterne,

morti che resuscitano e vergini che partoriscono.

Cervelli da cui è stata cancellata la possibilità

 di vedere la realtà e di pensare.

Un lavoro metodico e perfetto

di annichilmento dell’ individualità,

del sano e naturle egoismo,

della sana e naturale capacità di pensare,

allo scopo di tradormare degli individui liberi

in docili e sottomesse pecorelle,

 intrupparli nel gregge e portarli dove si vuole.

Immagini raccapriccianti ed inquietanti, dicevo

 che testimoniano una regressione della specie Homo Sapiens

Solo pecore e gnu..

Nessun esemplare della specie Homo Sapiens..

Drammatico..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...