Le “democrazie occidentali” spiegate nello spazio del titolo: i pochissimi che hanno tutti i soldi e tutti i mass media fanno eleggere dal popolo, per governare, partiti e uomini politici che hanno creato, finanziato e propagandato

 
Il titolo da solo basterebbe…

Ma siccome conosco il livello intellettuale ridotto 

del popolino popolano popolare,

quindi anche dei miei lettori,

(che deduco dal fatto che va a votare

per eleggere partiti e politici

che rappresenteranno gli interessi 

di quei pochissimi che possiedono tutto il denaro)

aggiungo ciò che sarebbe inutile aggiungere

e mi dilungo al di fuori del titolo.


I partiti e gli uomini politici

creati, finanziati e propagandati

sui mass media di loro proprietà,

da quei pochissimi che hanno tutti i soldi,

governeranno per rappresentare gli interessi

di quei pochissimi che hanno tutti i soldi,

che li hanno creati, finanziati e propagandati.


Insomma..


I sedicenti e cosiddetti

“politici democratici”

delle sedicenti e cosiddette

“democrazie occidentali”

sono camerieri e servi

di quei pochissimi che hanno tutti i soldi.


I sedicenti e cosiddetti

“giornalisti democratici”

dele sedicenti e cosidette

“democrazie occidentali”

sono camerieri 

di quei pochissimi che hanno tutti i soldi,

quindi servi,

ma anche

dei “politici democratici”,

quindi servi dei servi.
Annunci

Il mondo secondo Ballarò: da una parte pochi finanzieri, banchieri e governanti tecnici, santi, eroi e martiri che vogliono salvare l’umanità, dall’altra masse di uomini posseduti dal “Male” che vogliono distruggere il mondo. SPEGNETE LA TIVVI !

o, come tutti, ho delle idee e delle convinzioni,

e, come tutti, cerco di convincere gli altri delle mie idee e delle mie convinzioni,

riportandoli alla realtà ed usando argomentazioni valide,

ma, diversamente da quasi tutti,

sono disposto a cambiarle se la realtà o le argomentazioni degli altri

mi convince a cambiarle.

Per questo motivo

continuo a guardare la tivvi

dopo aver scritto più di una volta sul mio blog

dei posts dal titolo, molto chiaro ed esplicito,

SPEGNETE LA TIVVI !

Ieri sera, pertanto,

con questo presupposto

e del tuitto disponibile a cambiare idea

ho acceso la tivvi

per guardare su Rai3 Ballarò.

Quello che ho visto era un tentativo di manipolazione della realtà

e di possesso dei cervelli dei telespettatori

talmente eccessivo da essere ridicolo.

Una economista greca

(donna naturalmente, perchè per la cultura dominante

ebrei, donne, negri ed omosessuali non si possono discutere

altrimenti si è accusati delle pèggiori nefandezze)

della banda Goldam Sachs – BCE

disegnava, con sguardo torvo e bieco,

scenari inquietanti

per il suo paese e per l’Europa

in caso di uscita dall’euro,

e criminalizzava pesantemente i suoi connazionali,

rei di aver votato contro le misure UE,

mostrando totale disprezzo della democrazia

e della sovranità popolare.

La sefapedì dolcissima signora (stile Fornero per intenderci)

della Banda Monti – Goldman Sachs – BCE,

era pesantemente supportata dai cartelli

fatti preparare appositamente dal buon Florisgiovanni,

uno dei tanti conduttori tivvi componenti del sistema ,

servi di banche e finanza,

tipo Vespabruno, Faziofabio e Garnerled,

che magnano, e pure bene,

con le briciole gettate sotto al tavolo dai loro padroni,

che ripetevano pedissequamente le sue tesi

e disegnavano scenari ancor più inquoetanti per l’Italia

in caso di uscita della Grecia dall’euro.

Se questo non bastasse

le stesse tesi erano supportate

dal Lettaenrico della associazione a delinquere

LETTA & COMPANY,

che con viso accorato esprimeva previsioni ancor più funeste,

mentre dietro a tutti e due, alla economista greca e al Lettaenrico,

i volti di tutti i presenti in studio facevano ampi cenni di assenso.

Un uso ridicolmente propagandistico della tivvi,

con tutti gli intervenuti che sostenevano la stessa posizione,

senza alcun contraddittorio,

in cui finanza, banche e governi che le sostengono

venivano presentati come “buoni e santi protettori dell’umanità”

ed i cittadini greci ed europei che si oppongono

come dei pazzi incoscientii che si oppongono a i buoni e santi che vogliono salvarli.

Una rappresentazione forgiata sui rituali cattolici e sulle prediche dei preti:

il Bene e il Male,

da una parte i “sacerdoti”,

pochi santi, eroi e martiri che vogliono salvare gli uomini,

dal’altra tutti gli esserii umani, possieduti dal Male che si oppongono

ai pochi santi martiri che vogliono salvarli.

Un vero e proprio delirio.

Un disprezzo totale della libertà, dela democrazia e della sovranità popolare.

Un tentativo violento e criminale,

fondato sul terrorismo psicologico,

di indirizzare in modo violento e subdolo gli individui.

Davanti a tutto questo

non posso far altro che ripetervi urlando:

 

SPEGNETE LA TIVVI !

 

E’ soltanto

uno strumento di manipolazione della realtà,

di criminalizzazione di ogni giusta rivendicazione

di libertà, di democrazia, di giiustizia sociale,

di redistribuzione della ricchezza e del potere.

di diffusione del terrorismo psicologico sulle masse,

e di rincoglionimento del popolo.

La mafia internazionale della finanza, delle banche e delle imprese, che ha il denaro come unico valore, per tenere in piedi il suo sistema paranoico delirante, fondato sull’usura, sta distruggendo la vita sul pianeta Terra

 

 

 La violenza serve soltanto

 

a tenere in piedi

 

la società della produzione e del consumo, del denaro e dell’usura,

 

al punto che essa la crea da sola,

 

ed usa poi i suoi mass media

 

per attribuirla a chi la contesta e la critica,

 

allo scopo di criminalizzare ogni dissenso.

 

Fate fare il lavoro a loro.

 

Fateli bombardare e gambizzare.

 

Non aiutateli bombardando e gambizzando…

 

1) Riducete i consumi

 

2) Chiudete i conti correnti bancari

 

3) Non sotoscrivete fidi e mutui

 

Viene giù tutto in qualche mese..

 

Senza colpo ferire…

 

 

 

USURA CONTRO NATURA

 

EZRA POUND

 

http://www.youtube.com/watch?v=tF8BS4CCG_0

 

Con usura nessuno ha una solida casa
di pietra squadrata e liscia
per istoriarne la facciata,
con usura
non v’è chiesa con affreschi di paradiso
harpes et luz
e l’Annunciazione dell’Angelo
con le aureole sbalzate,
con usura
nessuno vede dei Gonzaga eredi e concubine
non si dipinge per tenersi arte
in casa ma per vendere e vendere
presto e con profitto, peccato contro natura,
il tuo pane sarà staccio vieto
arido come carta,
senza segala né farina di grano duro,
usura appesantisce il tratto,
falsa i confini, con usura
nessuno trova residenza amena.
Si priva lo scalpellino della pietra,
il tessitore del telaio
CON USURA
la lana non giunge al mercato
e le pecore non rendono
peggio della peste è l’usura, spunta
l’ago in mano alle fanciulle
e confonde chi fila. Pietro Lombardo
non si fe’ con usura
Duccio non si fe’ con usura
nè Piero della Francesca o Zuan Bellini
nè fu “La Calunnia” dipinta con usura.
L’Angelico non si fe’ con usura, nè Ambrogio de Praedis,
nessuna chiesa di pietra viva firmata : “Adamo me fecit”.
Con usura non sorsero
Saint Trophine e Saint Hilaire,
usura arrugginisce il cesello
arrugginisce arte ed artigiano
tarla la tela nel telaio, nessuno
apprende l ‘arte d’intessere oro nell’ordito;
l’azzurro s’incancrena con usura; non si ricama
in cremisi, smeraldo non trova il suo Memling
usura soffoca il figlio nel ventre
arresta il giovane amante
cede il letto a vecchi decrepiti,
si frappone tra giovani sposi
CONTRO NATURA
Ad Eleusi han portato puttane
carogne crapulano
ospiti d’usura.

 

Il crimine originario è inventare una cosa chiamata “fabbrica” e poi costringere migliaia di esemplari della specie Homo Sapiens, organismi viventi, a passarci otte ore al giorno per guadagnarsi di che vivere e far guadagnare miliardi ad un loro simile.


La storia del capitalismo

è la storia della pirateria organizzata da pochi

che si appropriano del lavoro e della vita di molti.


La sociietà della produzione e del consumo,
del denaro e dell’usura
nasce già contro la vita e contro natura,
criminale ed illegale
e mostra subito il suo vero volto,
ai tempi della rivoluzione industriale,
mandando a lavorare i bambini sedici ore al giorno
in fabbriche malsane ed in condizioni di vita impossibili.

La stessa logica contro natura e contro la vita,
mossa soltanto dalal logica del denaro e del profitto,
si è mantenuta intatta nei secoli
e rimane negli imprenditori di oggi
che rifutano di migliorare lecondizioni di sicurezza
sui posti di lavoro
per non diminuire i loro profitti
e che applaudono
l’amministratore delegato della Thyssen
condannato per aver provocato la morte di tre ioperai.

Vale molto di più
la vita di un solo essere umano
che tutte le proprietà
dell’uomo più ricco della Terra.

Bisogna sentire ogni ingiustizia,
commessa contro chiunque,
in qualunque parte del mondo,
come una ingiustizia 
commessa verso se stessi.

Ogni vero uomo
deve sentire come propria,
sulla propria pelle,
l’ingiustizia subita da un altro uomo.

Ogni vero uomo
deve sentire sulla propria guancia
lo schiaffo preso da un altro uomo.

Se tremi di indignazione davanti alle ingiustizie, allora sei mio fratello.

Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso.

L’unica battaglia che ho perso 
è stata quella che ho avuto paura di combattere.

La vera rivoluzione deve cominciare dentro di noi.

La rivoluzione del mondo
passa attraverso 
la rivoluzione dell’individuo.

Ho tanti fratelli che non riesco a contarli 
e una sorella bellissima che si chiama libertà.

Non sono un libertador.
Non esistono libertadores.
I popoli o si liberano da soli
o non si liberano mai.

Vale la pena di lottare
solo per le cose
senza le quali 
non vale la pena di vivere

Preferisco morire in piedi piuttosto che vivere in ginocchio.

Se io muoio non piangere per me, 
fai quello che facevo io 
e continuerò a vivere
vivendo in te.

Il PD SEDOTTO DALLA CONFINDUSTRIA STABILISCE PROFONDI LEGAMI CON L’ ASSOCIAZIONE DEGLI INDUSTRIALI ovverossia “Lo sguardo perso ed attonito di D’Alema davanti alle cosce della Marcegaglia”

NELLA FOTO SOTTO

Lo sguardo perso ed attonito di D’Alema davanti alle cosce della Marcegaglia

Una Emma Marcegaglia sempre più volitiva, virile, testosteronica, ferrigna e financo grifagna esalta i costruttori della centrale nucleare di Fukushima, amata, adorata e financo penetrata da tutti i membri della Confindustria
 


“I costruttori della centrale di Fukushima sono gli uomini del progresso,

quelli che hanno capito l’importanza

delle infrastrutture, delle centrali nucleari e della TAV”

ha affermato la volitiva, virile, testosteronica, ferrigna e financo grifagna

presidente della Confindustria,

supportata dalla standing ovation di tutti i membri.

“La maggioranza silenziosa del Paese,

quella che non grida e non fa rumore, è con noi

e con i costruttori della centrale di Fukushima,

per la costruzione di nuove infrastrutture,

di nuove centrali nucleari e della TAV”

ha aggiunto la volitiva, virile, testosteronica, ferrigna e financo grifagna

presidente della Confindustria,

mandando in brodo di giuggiole tutti i membri dell’associazione,

che avevano già l’acquolina in bocca pensando agli appalti miliardari.

“A quella minoranza rumorosa di disfattisti e nemici del progresso

che ricordano che la centrale di Fukushma è crollata

provocando danni all’ambiente che dureranno secoli,

dico, anzi urlo,

sostenuta dalla maggioranza silenziosa degli italiani,

che sono, come me, per il progresso, per le infrastrutture,

per le centrali nucleari e per la TAV:
 
MEGLIO MORIRE TUTTI SUBITO STANDO DALLA PARTE DEL PROGRESSO

CHE VIVERE QUALCHE ANNO IN PIU’ RISTAGNANDO

IN CONDIZIONI DI VITA ANTICHE ED ANCESTRALI””

ha concluso  la volitiva, virile, testosteronica, ferrigna e financo grifagna Emma,

amata, adorata e a sto punto financo penetrata da tutti i membri della Confindustria,

esaltati ed eccitati dalle sue parole,

presi dal desiderio di possederla carnalmente

e da Lei accolti con fermezza e soddisfazione,

allo scopo di stabilizzare e rinsaldare i legami

all’interno dell’associazione degli industriali.

La storia del capitalismo è la storia della pirateria organizzata da pochi che si appropriano del lavoro e della vita di molti.

Vale molto di più
la vita di un solo essere umano
che tutte le proprietà
dell’uomo più ricco della Terra.

Bisogna sentire ogni ingiustizia,
commessa contro chiunque,
in qualunque parte del mondo,
come una ingiustizia 
commessa verso se stessi.

Ogni vero uomo
deve sentire come propria,
sulla propria pelle,
l’ingiustizia subita da un altro uomo.

Ogni vero uomo
deve sentire sulla propria guancia
lo schiaffo preso da un altro uomo.

Se tremi di indignazione 
davanti alle ingiustizie, 
allora sei mio fratello.

Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso.

L’unica battaglia che ho perso 
è stata quella che ho avuto paura di combattere.

La vera rivoluzione deve cominciare dentro di noi.

La rivoluzione del mondo
passa attraverso 
la rivoluzione dell’individuo.

Ho tanti fratelli che non riesco a contarli 
e una sorella bellissima che si chiama libertà.

Non sono un libertador.
Non esistono libertadores.
I popoli o si liberano da soli
o non si liberano mai.

Vale la pena di lottare
solo per le cose
senza le quali 
non vale la pena di vivere

Preferisco morire in piedi 
piuttosto che vivere in ginocchio.

Se io muoio non piangere per me, 
fai quello che facevo io 
e continuerò a vivere
vivendo in te.

ERNESTO CHE GUEVARA